Neru way of the martial artist: Manga cap1 Return of the Tengu [commentary]

cover color Neru way of the martial artist manga
-cover del primo capitolo-

Qui trovate un approfondimento sulla serie

INTRODUZIONE
Olà qui è il vostro Anketsu e benvenuti ad un nuovo commento, questa volta iniziamo a parlare di Neru: way of the martial artist, si tratta di un manga d’azione appena rilasciato sulle pagine di Shonen Jump (la stessa rivista che ha dato i natali a shonen molto popolari come My hero academiaDeath noteBlack CloverYugiohDemon Slayer, Ken il guerrieroDragon Ball, Cavalieri dello Zodiaco e One Piece).

Il mangaka a capo del progetto è Mynia Hiraga, il quale ci trascinerà in un mondo pieno di misticismo, folklore e soprattutto tanto ma tanto amore per le arti marziali e tutto ciò che esse rappresentano.
Ora senza ulteriori indugi, mettetevi comodi e godiamoci insieme la lettura di questo commentary!

(Alla fine trovate il link agli altri episodi)

Neruma Isami manga color art
-il protagonista neru-

COMINCIAMO!
La storia inizia illustrandoci un principio molto semplice, con il tempo ogni persona tende a migliorare.
Questo significa che domani sarai più forte di quanto lo sei oggi, dopodomani lo sarai ancora di più e così via
, In sostanza ogni giorno si impara qualcosa di nuovo.
Questo è particolarmente valido per gli artisti marziali come Neruma Isami e suo nonno.

Il nostro protagonista Neruma, per gli amici “Neru”, sta tranquillamente passeggiando per i corridoi deserti della sua scuola in direzione di casa, quando dal nulla spunta il suo amico Mikio che lo afferra per una manica e lo trascina all’esterno dell’edifico.
Qui un gruppo di ragazzi più grandi sta infastidendo una giovane ragazza impaurita, tempo 0,0002 secondi il nostro eroe parte e prende a scoppole ultra potenti i due sprovveduti aggressori che vengono immediatamente sconfitti.
Uno dei 2 lascia anche cadere un Bo-Shuriken (si tratta di una arma tipica dei ninja, a differenza dei classici shuriken a forma di stella, questi sono simili a degli aghi con entrambe le estremità molto appuntite. Possono essere usati sia come una sorta di pugnale sia come armi da lancio).

Mentre Neru rincorre i 2 delinquenti, dallo zaino del giovane cade un vecchio libro, il quale viene prontamente raccolto da Akebi (la ragazza aggredita).
Come segno di riconoscimento, la bella ragazza dai capelli lunghi invita Mikio a bere qualcosa (avrebbe fatto lo stesso con Neru se non fosse schizzato come un pazzo all’inseguimento degli altri 2).
Durante questo breve colloquio, Akebi si mostra molto interessata alla storia di Neruma.
Scopriamo da subito che il nostro protagonista ha uno stile di vita insolito per i giorni nostri, egli infatti vive in una remota regione del paese completamente isolato da tutto e tutti, senza tv, internet e manga.
Il suo unico svago dagli infiniti ed estenuanti allenamenti fisico è proprio il libro illustrato che ora Akebi porta con se.
Come se la situazione non fosse già abbastanza strana, sono ormai 3/4 anni che Neru vive da solo, suo nonno è infatti misteriosamente scomparso senza lasciare traccia.
(Ma non esistono i servizi sociali in questa città? un ragazzino da solo in mezzo al bosco e la polizia non fa nulla?)

akebi haiba tengu mask
-akebi haiba-

La sera stessa, Akebi si reca a casa di Neru per restituirgli il suo prezioso libro e per ringraziarlo dell’aiuto, ma suo malgrado la giovane trova l’abitazione deserta (ancora più deserta del solito).
Dopo aver deciso di aspettare che il ragazzo rincasi, per passare il tempo la studentessa inizia a curiosare in giro.
Notiamo subito che la casa e tutto il cortile sono in condizioni abbastanza penose, a prima vista sembrerebbero completamente disabitati da anni.
Le uniche cose che non sembrano aver risentito troppo la furia del tempo sono una serie di maschere appesa al muro e la staccionata del cortile interno dell’abitazione.
Guardando più da vicino è possibile notare uno strano particolare, ogni singolo asse della staccionata è ricoperto di disegni raffiguranti pose di arti marziali.
Ma aspettate non è tutto, dopo aver abituato gli occhi all’oscurità è possibile vedere che in realtà tutto il cortile è ricoperto di quegli stessi disegni, ogni roccia, ogni ramo, ogni attrezzo.

Scrutando ancora meglio nelle profondità della strana abitazione, possiamo vedere come Neru abbia in realtà fatto ritorno a casa già da un po’.
Il ragazzo sta rimuginando tra sé e sé per cercare di ricomporre quante più figure possibili del suo amato libro quando la ragazza gli corre incontro e gli porge il manoscritto.
L’euforia e la gioia per aver ritrovato il suo tesoro hanno vita breve, infatti la pacifica Akebi Haiba indossa la maschera da tengu trovata poco prima e inizia ad attaccare Neru a colpi di katana.
(I tengu sono dei mostri del folklore giapponesi, sono caratterizzati da una grande forza, da un naso di grandezza insolitamente lunga e un corpo che ricorda quello di un uccello. In base alla versione e alla regione il loro aspetto cambia molto, certi li rappresentano come veri e propri uccelli bipedi altri come umanoidi combattenti dotati di una coppia di piccole ali)

A quanto pare siamo arrivati al fatidico momento nel quale i giocatori smettono di bluffare e rivelano le loro carte.
L’incontro tra Akebi e Neruna non sarebbe stato un caso fortuito ma una accurata macchinazione per permettere alla ragazza di incontrare il giovane artista marziale e testare le sue capacità

neru combatte contro akebi
-la danza del tengu-

Mentre i due ragazzi iniziano una danza mortale fatta di scatti, parate e stoccate, Akebi inizia a narrare la stessa storia che il nonno di Neru era solito raccontargli quando era piccolo.
A quanto pare anche lei da giovane ebbe l’occasione di incontrare l’uomo ed apprendere da lui alcuni dei precetti fondamentali delle arti marziali.
Mentre il turbinio di spade continua a imperversare, il cuore di Neru viene come sommerso da uno strano sentimento che mischia gioia e nostalgia.
Dopo anni di assoluto abbandono il ragazzo ha nuovamente qualcuno con cui potersi allenare e con cui poter perseguire l’amore per le arti marziali come vero e proprio stile di vita, disinteressato e distaccato dallo sport e dall’attività agonistica.

Alla fine l’abilità della ragazza si dimostra superiore a quella del giovane il quale viene atterrato nel giro di pochi secondi.
Questo per Neru non è stato solo un semplice combattimento ma una vera e propria rinascita.
Preso dall’entusiasmo e del fervore del momento lo studente comincia ad annotare ogni posa, ogni sensazione ed ogni movimento che i due avversari hanno eseguito durante la battaglia, fino a quando il giovane non alza la testa e si rende conto di un particolare fondamentale.
Oggi Akebi è riuscita a salvarlo dal suo pozzo fatto di noia ed insoddisfazione donandogli nuova vitalità e speranza.

Sono passati 2 giorni da quella fatidica notte di luna piena, Neru e Akebi hanno passato tutto il tempo a parlare e ad allenarsi, ma oggi li aspetta qualcosa di nuovo.
La ragazza trascina il suo nuovo amico tra le strade più impervie della città fino a quando una stradina li conduce ad una immensa scalinata che la giovane sembra conoscere molto bene.
Si tratta dei 1018 scalini che conducono alla scuola superiore Amato delle 18 arti marziali!
Un luogo magico e misterioso dove si radunano tutti i giovani allievi desiderosi di apprendere la vera essenza delle arti marziali e che, speriamo, cambierà per sempre la vita del nostro Neruma.

Neruma Isami akebi haiba manga
– akebi atterra neru-

CONSIDERAZIONI
Allora, siamo arrivati alla fine di questo primo capitolo di Neru: way of the martial artist, facciamo un po’ il punto della situazione.
A voi che ve ne pare della strada percorsa da questo nuovo manga?
A vederlo così sembra che le arti marziali studiate dai personaggi saranno per la maggior parte quelle che si concentrano sull’uso di armi più che sulla lotta a corpo libero.
Rischiosa come scelta, soprattutto perché nell’ultimo anno (per cercare di cavalcare l’onda del successo di Demon Slayer) stanno uscendo una quantità mostruoso di shonen che si concentrano sui combattimenti a colpi di katana e che riprendono i temi classici del folklore giapponese tra demoni e spettri.
Questa serie riuscirà a differenziarsi dalle altre? ditemi la vostra con un commento!


Capitolo successivo >>

Se il post ti è piaciuto
Followami

Commenta
Lascia Like
Passa dai social
Grazie per la lettura

(non so scrivere, faccio un sacco di errori e
non pubblico nessuna recensione, commento roba e basta)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...