Hard-Boiled Cop and Dolphin: Manga cap10 The death of Samejima [commento]

(Qui trovate un approfondimento sulla serie)

INTRODUZIONE
Aloha qui è il vostro Anketsu e bentornati su Hard-Boiled Cop and Dolphin ad opera del mangaka Ryuhei Tamura.
Prima di iniziare il commento, facciamo un piccolo riassunto per i nuovi arrivati.

Il manga è ambientato sull’isola di Ogasawara, un piccolo paradiso fatto di pace e tranquillità.
Gli abitanti sono pochi, non ci sono problemi e la vita è super rilassante.
Il protagonista è Boyle Samejima, non il classico eroe shonen, lui è un poliziotto irruento che non si fa problemi a sfasciare tutto se serve ad acciuffare i criminali.

Voi vi chiederete, ma in un luogo così pacifico a cosa servono i poliziotti?
Il fatto è che in realtà questa landa di terra è l’ultimo baluardo di difesa contro le ocean gangs.
A movimentare il tutto, abbiamo una bimba santa, un delfino detective e l’inspiegabile fenomeno della super-evoluzione darwiniana.
Non c’è tempo per parlare, dobbiamo iniziare, ci sono troppi misteri e casi da risolvere!

(Alla fine trovate il link per gli altri capitoli)

kaji delle ocean gangs

COMINCIAMO!
Nel capitolo precedente avevamo lasciamo il nostro gruppo alle prese con due scagnozzi delle ocean gangs.
Entrambi sono evoluti da creature marine, il primo è un Pesce Martello, mentre il secondo è un Marlin.

Il pesce martello, che sembra la brutta copia di Ken il Guerriero, anche conosciuto come “capelli di natto“, viene steso da un singolo colpo impartito da un Samejima infuriato.
(In realtà questa cosa del cattivone che viene sconfitto subito non mi è piaciuta un granché, potevano farla un minimo più combattuta)

Nel mentre Kaji decide di prendere la situazione in mano e mentre gli altri sono distratti lui si avventa prima sul nostro poliziotto poi sulla piccola ed innocente Chako.

kaji colpisce samejima

La bimba viene presa in ostaggio ed usata come scudo umano durante la fuga del criminale ma il nostro big papa Orpheus si getta immediatamente all’inseguimento.
Vi ricordo che Kaji è evoluto da un Marlin, una razza di pesce spada tra le più veloci al mondo quindi stargli dietro non sarà così semplice.

Dove la velocità del nostro delfino non è sufficiente, ci pensa la scaltrezza umana.
Ecco infatti che del nulla spunta fuori nuovamente Samejima su una volante della polizia, puoi essere veloce quanto vuoi ma non puoi superare una macchina.

In realtà il nostro protagonista, rimasto senza occhiali, rischia di fare più danni che altro.
In tutta “sicurezza” l’uomo inizia a speronare il suo avversario con il paraurti anteriore della vettura, la cosa potrebbe essere fatale ma Chako si diverte lo stesso, quindi ok così?

kaji rapisce chako

Trovandosi nuovamente stretto alle corde, Kaji decide di fare l’unica cosa sensata, lasciare la strada e tuffarsi in mare dove Samejima e la sua automobile non possono raggiungerlo.
O almeno questo è quello che credeva!
Il nostro protagonista se ne sbatte di tutto, si schianta contro il guardrail e mentre la sua vettura rotola nello strapiombo, lui si getta dal finestrino e con un perfetto tuffo ad angelo si aggrappa al furfante.
(Ma questa cosa è stata da 9.1 alle olimpiadi, se poi ci aggiungiamo la spacconaggine della scena diventa anche un 9.7, medaglia d’oro garantita raga)

Attenti però, la battaglia non è ancora arrivata al termine.
Come un vero e proprio Marlin preso all’amo durante una sessione di pesca sportiva, Kaji non accetta di essere catturato in questo modo e pur di divincolarsi trascina Chako e Samejima sul fondo del mare.

samejima esala l'ultimo respiro

Per la piccola dai capelli verde acqua la cosa non è un problema, lei non ha difficoltà a resistere alla pressione e alla mancanza di ossigeno ma il nostro poliziotto invece non se la sta passando per nulla bene.
Oltre ad essere stremato per la battaglia, l’uomo non è esattamente un portento quando si tratta di nuotare, questo segnerà la sua invitabile sconfitta.

Samejima molla la presa e si ritrova schiacciato sotto una impressionante mole d’acqua, sembra proprio la fine, il nostro protagonista è ad un passo dal morire per annegamento.

A sue spese l’uomo ha dovuto imparare che non puoi sconfiggere un pesce nel suo elemento principale.
Fermi tutti!
Magari è vera la storia che non puoi sconfiggere un pesce nel suo elemento principale, ma non dimentichiamoci che l’altro protagonista della serie è a sua volta un pesce e questa volta è bello che incazzato.

orpheus raggiunge kaji

Per la prima volta vediamo un lato di Orpheus veramente cattivo.
Eravamo abituati a pensare a lui come ad un amorevole papà pronto a proteggere la sua pargoletta, ma le cose non sono sempre state così.
C’era un tempo in cui il nome del nostro delfino era conosciuto e temuto da ogni criminale oceanico.

Anni addietro, più di 500 famiglie criminali erano in lotta per il controllo della zolla di terra su cui è ambientata la nostra storia.
Gli scontri ormai erano diventati una consuetudine e rischiavano di distruggere l’equilibro ambientale.
L’unico che riuscì a mettere un freno alla cosa fu “Hell’s Orpheus(Orpheus degli inferi) praticamente una leggenda vivente.

Ora tutta la potenza di questo mistico tutore della legge sta per abbattersi sul grugno dell’ignaro Marlin.

orpheus si prepara a combattere con kaji

CONSIDERAZIONI
Siamo arrivati alla fine di questo decimo capitolo, è il momento di tirare insieme le somme:
Per cominciare che ne pensate del capitolo di questa settimana, vi è piaciuta come si è svolta la prima parte della battaglia?

Con queste pagine, il manga ha raggiunto la metà del secondo volume, la storia al momento è insolitamente lenta rispetto agli altri battle shonen recenti, personalmente questa è una cosa che adoro.
Mi piace quando una storia d’azione si prende il suo tempo per creare una narrazione e caratterizzazione credibili.
(Anche perché qui il mondo in cui è ambientata la trama è abbastanza strambo, ci sta che l’inizio è pieno di spiegazioni)
A voi piace questo stile o siete più per l’azione immediata?

Infine, che ne pensate del tratto di disegno del nostro caro mangaka Ryuhei Tamura, vi piace come rendono le scene più adrenaliniche?

<–Capitolo precedente | Capitolo successivo–>

🐬🐬🐬

Se il post ti è piaciuto
Followami

Commenta
Lascia Like
Passa dai social
Grazie per la lettura

(non so scrivere, faccio un sacco di errori e
non pubblico nessuna recensione, commento roba e basta)

2 risposte a "Hard-Boiled Cop and Dolphin: Manga cap10 The death of Samejima [commento]"

Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Sito web creato con WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: