DOGEZA I Tried Asking While Kowtowing: Anime ep3 Misenai Kanan

Annunci

INTRODUZIONE
Terzo episodio della serie dove il “””plot””” è al centro dell’azione, DOGEZA.
Se non lo conoscete già, (correte a fine articolo per trovare il link agli altri episodi e mettevi subito in pari con la nostra magica serie di commenti) dovete sapere che si tratta di un lavoro del mangaka Kazuki Funatsu.
Strutturato come una sorta di mini storia comica, in cui ogni capitolo è composto da 4/5 pagine quasi tutte a figura intera.
Anche gli episodi sono brevissimi e sono praticamente dei cortometraggi di circa 2 minuti l’uno.
Il tutto dovrebbe essere una sorta di parodizzazione degli stereotipi tipici che vengono usati nelle serie anime per caratterizzare i personaggi femminili.
(Se poi sia veramene da prendere come parodia o solo una scusa per mostrare qualche ragazza mezza nuda, spetta solo a voi deciderlo)

(Alla fine trovate il link agli altri episodi)

(Tutti dati relativi a Misenai Kanan, dal gruppo sanguigno al peso)

COMINCIAMO
Il protagonista è sempre lui, il maestro degli inchini, lo zerbino che riesce a raggiungere vette mai neanche immaginate, il solo ed unico Doge Suwaru.
Questa volta ci troviamo nell’infermeria scolastica.
Quante volte avete sentito e visto questo luogo in una qualsiasi serie anime ?
Nelle scuole italiane, solitamente non abbiamo una vera e propria stanza dedicata a questa mansione e quindi potrebbe sembrarvi strana come cosa ma in Giappone è abbastanza comune.
In particolare nelle serie di animazione scolastiche, questo luogo è quasi sempre usato come espediente narrativo per far incontrare due innamorati o per buttare qua e là qualche scena piccante.

Annunci
(Dopo la ending trovate sempre un artwork)

La ragazza di questo episodio si chiama Misenai Kanan.
Una giovane del terzo anno dai capelli mori molto lunghi che le arrivano fino alla vita.
Secondo voi anche questa volta l’obiettivo del nostro protagonista sarà il classico seno come visto nelle altre due puntate?
Ma certo che NO.
Questa volta il ragazzo si è evoluto, vuole provare una nuova tecnica e il target a cui punta sono le mutandine.
Incredibilmente, la nostra Kanan non sembra essere troppo infastidita dalla assurda richiesta.
Anzi, in realtà la ragazza sembra divertirsi a provocare Doge e vederlo supplicarla in ginocchio.
Ma poi ….. colpo di scena.

(E pensare che Kanan fa parte del comitato della salute scolastica)

La storia prende una piega talmente inaspettata che neanche l’oracolo di Delfi sarebbe riuscito a prevedere il susseguirsi degli eventi.
Viene fuori che ….. Kanan non porta le mutandine.
La giovane sembra anche a suo agio mentre sventola tutto in faccia al suo interlocutore.
Sembra troppo assurdo per essere vero?
Ed infatti è così.
La ragaza porta eccome le mutandine, il trucco era semplicemente che la biancheria mostrava un taglio particolarmenete alto sul fianco.
Questo scatena le ire di di Suwaru, il quale afferra al volo il laccetta laterale del sottogonna e lascia la sua compagna mezza nuda e in totale imbarazzo.
(Wow, più ambigua del solito come scena)

(Il DOGEZA, alla fine ha colpito ancora)

CONSIDERAZIONI
Devo dire che si nota eccome il tono seinen della serie, gli argomenti trattati mostrano una maturità tale e una difficoltà di apprendimento da risultare parecchio complicati anche per me.
Le sfaccettatutre e le possibili interpretazioni delle innumerevoli metafore presenti in questi 2 minuti sono da scuola dell’animazione.
Ovviamente scherzo.

La serie è da prendere come puro cazzeggio, come dicevo nel primo episodio, quando vi imbattete in una serie seinen, non significa necessariamente che vi troverete davanti argomenti psicologici e intricati.
Essendo un sistema di classificazione delle fascie di età, a volte, come in questo, la denominazione di seinen viene data per via dei contenuti eccessivamente sconci per la fascia di età shonen.

P.S. qui trovate il link per il mio post Instagram relativo alla serie, mentre qui trovate il link alla mia pagina, lasciate un follow ed unitevi alla community!

<– Episodio precedente | Episodio successivo –>

Se il post ti è piaciuto
Followami

Commenta
Lascia Like
Passa dai social
Grazie per la lettura

(non so scrivere, faccio un sacco di errori e
non pubblico nessuna recensione, commento roba e basta)

4 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...